124C 41+ [LP]

by Ars Sonor

/
  • Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.

     name your price

     

1.
2.
03:57
3.
03:00
4.
5.
03:39
6.
02:56
7.
02:59
8.
9.
10.

about

"Ars Sonor from Sweden has become a familiar name to most. This album has tracks full of soothing sounds that float and unwind through the speakers. The production level is very high as the deep passages of rhythm and light pass over you, including calm waves of noise that add rich textures and ambient affect" - Ed Plenderleith.

"Il monicker Ars Sonor è il manto di una giovane compositrice oggi residente in terra scandinava, Laetitia Schteinberg, per cui la musica è il mezzo, non solo il tramite, per esprimere l’insieme della sua concept/art che si completa con la fotografia: siamo di fronte ad una musicista di soundscape-ambient, lo avrete capito, e nel suo silente universo sonoro incontriamo l’espressione di una visionaria che nell’arte ha trovato la forza per uscire dalla depressione, uno dei tanti "sgambetti" che ci riserva la vita. Dopo varie esperienze con il debut-project Autosomal, oggi è Ars Sonor ed in un solo anno è già alla quarta produzione, tra file digitali e supporti fisici come il CDr che vi proponiamo oggi. Sette tracce inedite in cui si sommano le esperienze precedenti, le crescite sonore che oggi formano Ars Sonor, ancora in fase "work in progress" ma già delineata sulle caratteristiche di un rhytmic-noise composto da due filoni che si intersecano evolvendosi track by track in quasi tutte le strutture soniche del dischetto. Drum’n’bass di varia velocità e maturazione: lenta in "Disintegration", opener irradiata da un vento dronico secco e noise, la stessa drum-line cresce in "The Shed" mutando il suono nel "retro", ora i synth vogliono evocare spazi sconfinati e rilassanti dopo l’iniziale violenza, in "Alma" tutto è buio, gelido; in tre tracce i suoni sono simili ma la percezione di essi è agli estremi, cogliete le sfumature della musica... Altrove il drum-sound è completamente protagonista e ne è un ottimo modello "Hold My Hand" frenesia e libertà senza attinenze se non la attendibilità di un’isteria free-jazz su tappeti dronici infiniti, ottimamente incanalati entro geometrie IDM "glitchate" nella incantevole "The Saints", volubile e costantemente gestita da scrosci di synth, bella anche nel remix di Meklabor (recentemente protagonista di uno split congiunto con Laetitia), qui rocciosa ed arrampicata su pareti di rocce digitali a strapiombo sul baratro scuro. Riferimenti tangibili con autori "astrattisti" come Autechre o Black Lung o molti colleghi di entrambi in Ant-Zen. Nel finale la musicista osa anche una cover davvero difficile, "Nova Akropola" dei Laibach prima maniera; se la cava ed è promossa a pieni voti per aver saputo mantenere l’alone industrial soffocato da strutture dronico-eteree che la sospendono in un limbo turchese, un finale degno per un album ancora una volta voluto dalle menti del piccolo laboratorio di Northampton presenti direttamente nell’artwork creato da Dave Saunders, Mr. Syrinx insieme ai colleghi, Glowingpixie in solitaria" - Nicola Tenani.

credits

released January 19, 2012

synth, samples, production: Laetitia Schteinberg
samples: Arthur Saifullin
production: Dmitry Vlasov (eighth track, ninth track)
photography: Laetitia Schteinberg

"Explorers of the Darkest Depths: Volume Five": bit.ly/KoJCOS
"Sirona Mixtape #4": bit.ly/SbitCB

Tenth track is a cover version of Laibach.

More info: schteinberg.com

[sfio33]

tags

license

feeds

feeds for this album, this artist

about

Sigil of Brass: Sounds From Inside Out UK

contact / help

Contact Sigil of Brass: Sounds From Inside Out

Streaming and
Download help